Di recente mi è capitato di “imbattermi” nel termine Serendipità.

Non ero a conoscenza di come si definisse “l’attitudine a trovare qualcosa di valore o di piacevole quando meno te l’aspetti” e trovare il termine stesso è stato per me una casuale e felice scoperta, ossia una “Serendipità”.

In un’ Escape Room il percorso, segnato dagli enigmi e dal tema della storia, è già prestabilito ma non è noto al giocatore e vi è, quindi, una grande possibilità d’imbattersi in informazioni inaspettate.

Il giocatore, infatti, scopre la via verso la vittoria utilizzando la sua capacità di cogliere e di tradurre in intuizioni o idee ciò di cui fa esperienza nella stanza, con la predisposizione a osservare quello che lo circonda senza nessuna aspettativa rigida. Egli è pronto a tutto ed è pronto a essere sorpreso.

Sperimenta la Serendipità poiché trova qualcosa di sorprendente, mentre sta facendo o cercando altro e impara, giocando, cose inaspettate.